Home | Notizie | Iniziative | Newsletter | Valli del Mincio ( The Mincio Valleys ) | Cerca nel sito | Contatti
Menu

Pagina facebook
Amici del Mincio

Amici del Mincio - Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su iniziative e notizie dalle Valli del Mincio.

Iscriviti adesso!


Online
Abbiamo 0 utenti iscritti in linea.

Non siete registrati?
Potete farlo con un click qui.

Login
 



 


Registrazione

Recupero pwd smarrita.



Il gruppo degli «Amici del Mincio»

Presentazione


Queste pagine vogliono essere un atto di denuncia contro la grave situazione ambientale delle Valli del Mincio e, nello stesso tempo, vogliono informare l'opinione pubblica sulle iniziative promosse dal gruppo Amici del Mincio con lo scopo di tener vivo l'interesse per le nostre Valli.

 

Nell'ambito dell'Associazione PRO LOCO «Amici di Rivalta» si è costituito un gruppo la cui finalità è la tutela del Mincio e in particolare delle sue paludi.

L'interesse dei rivaltesi per il fiume, metaforicamente, si può considerare genetico. Da quando Rivalta esiste, è sempre stata intimamente legata al suo fiume traendone vantaggi economici, con la raccolta del pesce, del carice, della canna, e trovandovi innumerevoli momenti di svago.

La comunità rivaltese, sostenuta dal Comune di Rodigo, è stata fra i principali promotori per la costituzione prima di una riserva naturale e quindi di un parco regionale, evitando in tal modo la progressiva bonifica delle paludi. Solo negli ultimi 10/15 anni l'attenzione per il fiume si è attenuata e la causa prima è da ricercare nella scadente qualità e quantità delle acque.

Nel fiume è stata quindi vietata la balneazione, la produzione di canna palustre e di carice è progressivamente diminuita, mancando le ricorrenti piene primaverili, e i pescatori di professione, un tempo molto numerosi, sono tutti pensionati e hanno lasciato il passo alla pesca amatoriale; inoltre la chiusura della caccia ha allontanato i cacciatori che perlomeno contribuivano a tenere puliti i numerosi canali e gli specchi d'acqua denominati "giochi di caccia".

Ultimamente la passione dei rivaltesi per il fiume è aumentata; lo dimostra il successo che ogni anno accompagna la Festa del Pesce e la costituzione (1998) di due associazioni naturalistiche: il "Gruppo Amici del Mincio" e il "Canoa Club Rivalta".

L'attenzione per le Valli del Mincio da parte dell'opinione pubblica non solo nazionale si spiega con l'altissimo valore ambientale e antropologico della zona, riconosciuta a livello internazionale dalla Convenzione di Ramsar; in tale conferenza il tratto di fiume fra i 3 Km a Nord di Rivalta sino a circa metà del lago Superiore di Mantova (1.081 ettari) è stato definito "Zona Umida di Importanza Internazionale per la conservazione degli uccelli acquatici". Inoltre lo spirito della convenzione pone l'accento sulla tutela del territorio e delle tradizioni che lo hanno da sempre arricchito.

Al contrario, dal nuovo Consiglio Amministrativo del Parco Naturale del Mincio è stato escluso l'unico rappresentante del nostro Comune che vanta anni di esperienza e partecipazione attiva nella gestione del Parco e, essendo nativo del luogo, ha una profonda conoscenza delle problematiche socio-ambientali della palude.

Per i rivaltesi questa mancata elezione è motivo di sconforto e rammarico. Chi sostiene che nelle paludi attorno a Rivalta si sarebbero già spesi troppi soldi ci lascia amareggiati, dimenticando che il Comune di Rodigo ha destinato notevoli risorse economiche con la creazione del Centro Parco, dato in gestione al Parco del Mincio, e ha favorito le attività legate all'economia della palude.

Pensare di volgere ora l'attenzione finanziaria in altre aree del Parco, ad esempio a nord della palude, ove il fiume scorre fra le campagne collinari e il problema idrico assume minor importanza, o a sud di Mantova ove l'alveo è imbrigliato da alti argini, sarebbe un grave errore. La palude, quella indicata dalla "Convenzione di Ramsar", rischia di scomparire a causa del progressivo interramento e i motivi principali sono il ridicolo apporto idrico e l'inadeguata raccolta della canna, per il mancato rinnovo dell'attività economica imprenditoriale e privata.

I tempi di intervento sono ristrettissimi e affermare che la palude sta morendo non è demagogia. Dirottare finanziamenti verso altre realtà, sicuramente interessanti, ma di ovvia minore valenza ambientale, ha sentore di sterile campanilismo o scelta elettorale.

Gli Amici del Mincio sono un gruppo eterogeneo come estrazione sociale, senza coloriture politiche, che si pone come obiettivi primari la tutela dell'ambiente, la promozione delle condizioni socioeconomiche del luogo e di un turismo compatibile. Due sono gli obiettivi primari: migliorare ed aumentare l'afflusso delle acque nei laghi, e rilanciare economicamente il taglio dei canneti. Attualmente l'unico modo per evitare un rapido interramento della palude è la bruciatura incontrollata delle canne. Se fino a due anni fa solo un imprenditore continuava a lavorare industrialmente la canna, ora è sorta un'altra realtà che, affermandosi come nuova forza lavoro, potrebbe essere di esempio per altre iniziative. Se sarà abbandonato il progetto, oramai giunto al punto di arrivo, di porre in attività il macchinario per rendere competitiva la raccolta delle canne, vincendo così la concorrenza dei paesi dell'Est (già esportano tali prodotti a prezzi inferiori), l'economia della palude si soffocherà e con essa l'ambiente stesso. Fra qualche anno tutte le infrastrutture sino ad ora approntate o in fase di realizzazione, vedi ciclabili e centri parco, che sicuramente hanno un costo assai più gravoso in termini economici, ma indispensabili per un parco degno di questo nome, saranno inutili in quanto circonderanno un "contenitore vuoto". Se la Palude muore il Parco non avrà senso di esistere; in tale futuribile contesto la provocatoria proposta del Sindaco di Rodigo di uscire dal Parco troverebbe numerosissimi consensi.

Sono obiettivi molto ambiziosi per il "Gruppo Amici del Mincio", ma chi non li considerasse di primaria importanza ed urgenti, a nostro modestissimo parere, non ha capito il problema. Fra le varie attività che stiamo sostenendo c'è l'acquisizione della notevole documentazione scientifica e normativa riguardo il Parco e la regolamentazione delle acque; cercheremo collaborazioni e incontri con gli esperti del settore. Inoltre, vorremmo attuare un'attività di divulgazione didattica mediante visite guidate nel Parco, incontri con le scuole e la cittadinanza, proiezioni di filmati e diapositive; pulizia regolare delle rive, controllo della qualità delle acque mediante regolari misurazioni chimico batteriologiche, promuovere lo sviluppo di percorsi pedonali ai bordi della palude, appostamenti fissi all'interno della stessa per l'osservazione dell'avifauna e della vegetazione.



Rivalta sul Mincio (Mantova), Gennaio 2000



 


(88677 letture | Invia)



Gli Amici del Mincio sono la sezione ambiente della Pro Loco Rivalta (Mantova) - Crediti e disclaimer - RSS notizie
Se non diversamente specificato testi, fotografie e altri contenuti sono Copyright © 2005-2015 Pro Loco Rivalta

Privacy Policy

hosting and web design by marcomunari.it